ita | eng

> Torna alle news

Una nuova sfida: il progetto "ROBOLAB4.0" (centRo specializzatO roBotica, autOmazione e tecnologie Additive compolaB 4.0). - Compolab

Posted by | | News | No Comments

Col D.D. n. 11891/2018, tramite il bando sui Protocolli di Insediamento per progetti di impresa nelle Aree di Crisi Complessa della Provincia di Livorno, La Regione Toscana ha deliberato il cofinanziamento del progetto ROBOLAB4.0 . Investiremo oltre mezzo milione di euro in macchine per manifattura additiva metallica e polimerica, in robots antropomorfi e collaborativi, in sistemi di visione/rilevamento posizioni e di ausilio alla creazione delle traiettorie. Con i provider selezionati (Yaskawa per il settore della robotica industriale, SISMA per le tecnologie di stampa additiva metallica e ROBOZE per le tecnologie di stampa polimerica ad alta performance) stringeremo inoltre importanti partnership di tipo strategico per dare a questa nuova idea le più altre possibilità di successo.
Col progetto ROBOLAB4.0 potremo rafforzare la nostra capacità di dominio interno della “filiera” che va dall’idea al prodotto, sia per la progettazione-realizzazione di componenti ottimizzati per il loro utilizzo, sia per i dispositivi impiegati per operazioni di automazione o robotizzazione per rendere le soluzioni quanto più affidabili, performanti, flessibili e coerenti ai paradigmi della “Fabbrica Intelligente” e “Impresa 4.0”. Saremo significativamente più incisivi e efficaci su:

a) evoluzione e innovazione di prodotto: offriremo al cliente soluzioni anche innovative di prodotto in tempi e costi ottimizzati, pronte a recepire le attività necessarie all’industrializzazione e all’ingresso sul mercato, mantenendo la massima riservatezza. Potremo investigare e offrire soluzioni e sperimentarle, partendo da quelle già in uso e verificandone le possibilità di evoluzione.
b) sviluppo e ottimizzazione di processo: potremo soddisfare in maniera sensibilmente più agevole e efficace la richiesta di soluzioni tese alla massimizzazione delle velocità di esecuzione; flessibilità e semplicità di gestione; affidabilità e “facilità” per gli interventi manutentivi; integrazione di sensoristica su parti in movimento o statiche capace di trasmettere dati significativi “di stato”.